Come cambiano gli acquisti: le nuove visioni dei consumatori

La sfida per le imprese in un mercato sempre più green

L’emergenza sanitaria, in questi mesi e in vari modi, ha messo in discussione molte cose, sta cambiando molti punti di riferimento e di valutazione e, quindi, anche comportamenti su ciò che piace, che si sceglie e che vale la pena di fare e di acquistare. L’attenzione all’ambiente e alla salute sta diventando un fattore discriminante per il mercato.

Un mercato che sta cambiando in fretta e si orienta sempre di più verso prodotti e servizi che abbiano carattere di sostenibilità e di rispetto per l’ambiente: i consumatori sono più attenti, informati ed esigenti in merito non solo a cosa acquistano, ma anche alla sua provenienza, all’impatto ambientale che deriva dalla sua produzione piuttosto che dall’erogazione del servizio, alle eventuali ricadute (positive o negative) sulla salute.

Se i clienti cambiano, anche le imprese devono cambiare e presentarsi in una veste rinnovata, aderente alle nuove esigenze della clientela acquisita e potenziale: per esempio, un bel ristorante in una buona posizione, un’atmosfera confortevole, piatti eccellenti, un ottimo chef sono i tradizionali motivi di successo, ma la formula vincente oggi è dotarsi di attrezzature ecocompatibili e offrire una cucina che sappia esprimere anche carattere di sostenibilità ambientale, riguardo alla qualità e provenienza degli ingredienti, alla stagionalità, alla vicinanza degli approvvigionamenti.

Altrettanto si può dire anche per altri esercizi che commercializzano abbigliamento, elettrodomestici, prodotti alimentari o di arredamento. Gli acquisti si fanno ormai non solo in base alla qualità del prodotto o alla firma che porta o al prezzo, ma anche sulla sua specifica sostenibilità.

Dunque, per non perdere presa sul mercato, la sfida più importante: creare o evolvere la propria identità di impresa, in linea con i principi di sviluppo e cura dell’ambiente e del territorio, del benessere e salute dei propri clienti, dell’impegno etico e sociale.

Buona sostenibilità

Riccardo Bucci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...