Turismo esperienziale: andare per Borghi

Peschici – Puglia

I piccoli borghi, da nord a sud, al mare e in montagna, in cui si riscopre la tradizione del nostro Paese e la sua storia, diventano destinazioni sempre più ricercate dai viaggiatori alla ricerca di ritmi a misura d’uomo, genuinità ed esperienze uniche.
Questi luoghi, oltre ad essere suggestivi e a raccontare le storie del passato, offrono aria buona e rispondono perfettamente all’esigenza di un turismo di prossimità, di distanziamento e sicurezza in quest’estate di convivenza con il Covid-19. Senza tralasciare il bisogno di riconnettersi con la natura, di passeggiare in serenità e di conoscere le storie della popolazione locale, ma anche di riflettere, che questa emergenza ha lasciato in molti di noi. In questi luoghi, tutti da scoprire, si rallenta, si cerca la qualità, le sensazioni, le esperienze e ci si dimentica dell’ottimizzazione del tempo, tipica del turismo di massa. Si tratta di una visita che non si limita a vedere ma parla di “vivere nel luogo”. Dalla raccolta delle mele con il contadino, all’assaggio dei piatti tipici, fino al corso di tombolo e di pasta fresca, andar per borghi, in Italia, significa immergersi nella meraviglia di territori nascosti e vivere un’esperienza unica che coniuga la bellezza dei paesaggi con il contatto umano con le persone del luogo.

Civita di Bagnoregio, Lazio – iStock

Complice una rinnovata voglia di godersi viaggi ricchi di esperienze e ritmi lenti, i piccoli borghi riescono ormai, di fatto, a competere con i grandi centri, le città d’arte e le località storicamente più frequentate. Un fenomeno in forte crescita che, in parte, può essere anche riconducibile alla promozione su più fronti avvenuta in questi anni. A partire dal Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini che, allo scopo di incoraggiare la conoscenza delle bellezze di questi piccoli scrigni d’arte e tradizione, ha designatoil 2017 come l’Anno dei Borghi.
Sono diversi gli enti a cui rivolgersi che raccolgono in rete e tutelano questi siti: l’Associazione Borghi più Belli d’Italia che, con circa 300 borghi certificati, promuove la vita di paesi, frazioni, piccoli nuclei che rischiano di essere dimenticati ed abbandonati; oppure Borghi Autentici d’Italia con oltre 200 comuni; il Touring club che li certifica attraverso la sua bandiera arancione, il marchio di qualità turistico-ambientale, pensato dal punto di vista del viaggiatore e della sua esperienza di visita, assegnato alle località che godono di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio e sanno offrire al turista un’accoglienza di qualità. Sui siti ufficiali di questi enti si trovano le mappe dei Borghi, in cui si può fare una ricerca per regione.

Il borgo del Nodo d’Amore: Veneto, Borghetto sul Mincio – ©Fotocommunity/Giuseppe Angelelli
Luoghi romantici: Borghetto celebra con il suo piatto tipico la leggenda di due amanti che avrebbero intrecciato il nodo di un fazzoletto prima di gettarsi nel Mincio

I Borghi più belli d’Italia e Trenitalia hanno siglato un accordo grazie al quale si trovano le segnalazioni su 25 Borghi più belli d’Italia da raggiungere a bordo dei treni regionali per chi non volesse utilizzare l’auto.
Chi fosse alla ricerca di ispirazione può vedere anche 20 documentari lanciati ad aprile dal primo Festival dei Piccoli Borghi d’Italia. Sul sito dell’evento online organizzato da BWEB – società produttrice della serie di documentari “Piccola Grande Italia” è possibile vedere i documentari di 20 paesi girati nelle relative regioni di appartenenza. E anche visitare Meeters, la più grande community italiana di viaggi ed esperienze condivise per esplorare le offerte di viaggio alla scoperta dei posti più belli d’Italia, unici, suggestivi e fuori dai classici percorsi turistici, anche per una sola giornata o per il fine settimana: l’obiettivo non è solamente il viaggio, ma anche quello di creare occasioni di incontro e amicizie tra persone con gli stessi interessi.

di M.A. Melissari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...