Plastic tax rinviata al 2021

Il decreto Rilancio (DL19 maggio 2020, n. 34) è stato convertito in legge: dopo il via libera della Camera, il provvedimento ha ricevuto il 16 luglio anche quello del Senato, su cui era stata posta la fiducia, ottenendo 159 voti favorevoli e 121 contrari. Tra le diverse misure previste c’è il rinvio al 1° gennaio 2021 dell’entrata in vigore di due imposte particolarmente invise al settore: Plastics tax e Sugar tax.

Introdotta con la legge 27 dicembre 2019, n. 160 (disposizioni per la formazione del bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020) la Plastics tax è una imposta di 45 centesimi di euro per ogni chilo di materiale plastico che colpisce tutti i manufatti con singolo impiego (MACSI), ad eccezione di quelli prodotti con bioplastiche compostabili o con materiali riciclati, oltre a dispositivi medici e packaging farmaceutici o medicali.

L’imposta sul consumo di bevande educorate, meglio conosciuta come Sugar tax, è un’imposta di 10 euro per ettolitro di bevande zuccherate, che avrebbe dovuto avere efficacia a partire dal mese di ottobre.

di Redazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...