Mindfully Green Family N.8 Come posso insegnare l’ecologia ai miei bambini?

Dimmi e dimenticherò. Mostrami e ricorderò. Coinvolgimi e capirò.” – Confucio. Si potrebbe aggiungere: Fai un passo indietro e agirò. Il miglior modo per formare adulti consapevoli dell’ambiente, che agiscono con responsabilità, autonomia e compassione, è quello di permettere loro lo sviluppo di un legame con la natura. Un legame verso cui i bambini sono già naturalmente predisposti.

Crea l’atmosfera

La parola chiave è Atmosfera. Non occorre preoccuparsi di fare da insegnante, ma è sufficiente immaginarti come una Presenza Facilitatrice. Permetti ai tuoi piccoli di crescere in un’atmosfera in contatto con l’ambiente, intima con il mondo naturale, di gioco, di curiosità e scoperta. Potrete esplorare, osservare, imparare, apprezzare. Fare ricerche. Tenere un quaderno. E molto altro.
Occorre avere fiducia nel fatto che, con un giusto ambiente e giusti modelli, in tuo bambino troverà la sua strada verso un pensiero ecologico consapevole. Ma come fare? Ti propongo qui di seguito i 3 canali attraverso i quali puoi preparare il terreno per il legame tra natura ed il tuo bambino, ed infine una serie di 5 Esperienze in Natura per genitori e bambini.

3 canali per lo sviluppo del legame con la natura

Gioco libero all’aperto
Sicuramente saprai già che il gioco libero è uno strumento per lo sviluppo del bambino nel suo insieme. Promuove lo sviluppo psicologico, sociale ed emotivo. Quello cognitivo, la capacità di problem solving, e le abilità fisiche. Ma non solo. È anche un ottimo strumento per consentire ai bambini di esplorare e conoscere la società in cui vivono e il mondo che li circonda. Attraverso il gioco libero, possono creare esperienze che li aiuteranno a capire come funziona la società e come interagire con le altre persone. Ti basta trovare un gruppetto di bambini, fermarti in un parco o un altro luogo nella natura, e osservare con calma. Cosa li interessa? Quali dinamiche sorgono?

Mindfulness in natura
La Mindfulness è una capacità, una modalità attraverso cui la mente può essere calibrata che si qualifica come il porre attenzione al momento presente senza elaborazione concettuale. Per ottenere questo occorre un po’ di pratica. Con il tempo è possibile coltivare uno stato mentale ricettivo e aperto che permette il fiorire di una ricca e raffinata sensibilità e, da qui, un’intima connessione con il mondo naturale. Noi siamo natura. Se riusciamo a mettere per un attimo in pausa le nostre elaborazioni concettuali, possiamo allora contattare direttamente l’ambiente in cui siamo, gli altri esseri, le piante e gli elementi. Un modo molto semplice per promuovere questa qualità nella tua mente ed in quella del tuo bambino è dedicare del tempo per essere nella natura, in silenzio, senza un preciso obiettivo, se non quello di ricevere ciò che c’è. Passeggia, oppure fermati dove più vi sentite a vostro agio e proponi al bambino di osservare, ascoltare i suoni, sentire le sensazioni. Accogli qualsiasi modalità il tuo piccolo voglia adottare. Ascolta i suoi pensieri, le sue idee, osservalo attentamente sforzandoti di guardarlo per come è. Senza giudizi o elaborazione.

Esperienze di scoperta del mondo naturale
Oltre ai due canali più recettivi indicate sopra, è molto importante anche ispirare i bambini all’azione attraverso giusti stimoli. Esistono in questo senso delle attività progettate proprio per ispirare i bambini a all’idea che ognuno, anche se piccolo, può fare la differenza.
Per proporti le 5 Esperienze in Natura per genitori e bambini che seguono, ho chiesto aiuto ad Anna, Roberta e Alessandra, le fondatrici del Club dei cerca-cose: una nuova realtà unica in Italia che propone giochi sull’educazione ambientale e sostiene una rete di famiglie in fortissima crescita.
Siamo mamme papà, bambine e bambini, sempre più numerosi, ispirati a creare un futuro più equo, giusto e sostenibile. Per celebrare la curiosità, l’empatia e il coraggio di provare a cambiare un pezzo di mondo, le fondatrici hanno inventato Avventure per posta. Si tratta del primo gioco sull’ambiente in cui si riceve per posta un kit e le istruzioni per svolgere esperienze e missioni ispirate ai principi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Qui il profilo Instagram del Club per conoscere meglio il progetto.

Ma veniamo alla lista delle attività.

5 Esperienze in Natura per genitori e bambini

1. Crea un erbario per conoscere la biodiversità
Creare un erbario in cui catalogare piante e fiori può ispirarti a conoscere e monitorare la biodiversità attorno a te. Una sorta di enciclopedia verde, che puoi realizzare facendo seccare campioni veri ed essiccati oppure fatto di disegni.

Cosa serve:
• Un bel quadernone o un album con fogli robusti, penne, matite colorate, colla e scotch.
• Etichetta: nome botanico, data e luogo della raccolta e altre informazioni scientifiche. Puoi aggiungere alcune note come pensieri, emozioni, aforismi, leggende racconti legati all’esemplare, farne un disegno o aggiungere una foto del paesaggio.
• Ti consigliamo di utilizzare campioni già presenti sul suolo (ad esempio un ramoscello di pino caduto).

2. Diventa bio-detective

Per proteggere la biodiversità bisogna conoscerla. Che tipo di biodiversità è presente nella tua zona? Fate una ricerca per scoprirlo!

Procura l’occorrente. Una macchina fotografica o uno smartphone; una lente di ingrandimento; un taccuino per annotare i dati; iNaturalist , un’app per scoprire e condividere la flora e la fauna locale.
Scegli un luogo e una data. Cerca un posto con una grande varietà di piante e animali.
Accendi i cinque sensi. Essere un bio-detective significa cercare tracce, nidi, tane o piume, usare le orecchie per ascoltare ronzii, o cinguettii. Pensa in piccolo (per scovare i micromondi degli insetti).
Annota. Che tipo di pianta o animale è, si tratta di un mammifero o un uccello? Quanto è grande, di che colore è, dove è stato trovato?
Passaparola. Scrivi al giornale della città raccontando il lavoro da bio-detective e le tue scoperte.
Proteggi. Consiglia piccole azioni che tutti possono fare per proteggere un’area della propria città. (Ad esempio puoi realizzare un poster e appenderlo in uno spazio pubblico).

3. Difendi le api
Sei consigli utili per proteggere le api.

Pianta fiori amici delle api come calendula, lupinella, facelia, borragine, timo, grano saraceno, girasoli, malva, rosmarino, coriandolo.
Non usare pesticidi. Sono la prima causa della loro scomparsa.
• Costruisci un hotel per le api in un luogo tranquillo, vicino a fiori come papaveri, fiordaliso o bocche di leone.
• Anche le api hanno sete e devono bere. Lascia una bacinella d’acqua e zucchero per gli insetti di passaggio.
• Lascia nel tuo giardino qualche spazio “selvaggio” e disordinato: varietà di fiori e erba alta fanno felici gli insetti e anche gli animali domestici.
• Sai che le api prendono la maggior parte del loro nettare dagli alberi? Quando un albero fiorisce, fornisce migliaia di fiori da cui nutrirsi. Gli alberi non sono solo una grande fonte di cibo per le api, ma anche un habitat essenziale.

4. Crea una bomba di semi
A cosa servono le bombe di semi? Ad aiutare gli insetti impollinatori a mantenere in equilibrio i cicli della natura e a moltiplicare i fiori di campo. Le bombe di semi sono facili e divertenti da preparare.

Gli ingredienti
Semi di fiori selvatici e di varietà autoctone, polvere di argilla, compost (senza torba), acqua. ⁠
Le dosi
1 tazza piccola di semi;⁠ 5 tazze piccole di compost;⁠ 2-3 tazze piccole di argilla in polvere (o terriccio).
La ricetta
Mescola tutto in una ciotola con l’acqua e fai delle polpettine. Lasciale asciugare al sole per due giorni e lanciale in spazi incolti (giardini, terrazzi, aiuole, fioriere) e abbandonati.⁠ Se vuoi rendere le bombe di semi più colorate, è possibile aggiungere all’impasto dei coloranti naturali.

5. Organizzate una caccia ai rifiuti
C’è un’area vicino casa che ha bisogno di una pulizia extra? Pensa ai luoghi che visiti spesso: il parco, i marciapiedi del quartiere, qualsiasi luogo è buono per iniziare! Armati di guanti e sacchetti differenziati per la spazzatura: ora potete dare inizio alla vostra caccia ai rifiuti!

Flora Lovati
Mamma ed autrice del blog bubuset.it vivere coi piccoli – Mindfulness per genitori e bambini

27 ottobre 2021

Benessere


Questo articolo fa parte del percorso Mindfully Green Family, un percorso in 10 passi con cadenza mensile, pensato per portare alle famiglie alcune riflessioni e strumenti per coltivare in modo leggero e semplice una maggiore consapevolezza e cura verso l’ambiente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...